curriculum breve

 

SILVIA BELFIORE

pianista e musicologa

STUDI:

Silvia Belfiore si diploma in pianoforte al conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria con Massimo Paderni. Segue anche corsi di perfezionamento pianistico con Roberto Szidon, Marianne Schroeder, Aloys Kontarsky, Jean Micault, Enrica Cavallo, Jay Gottlieb, Massimiliano Damerini, Pier Narciso Masi.

Nel 1991 si laurea col massimo dei voti in Discipline della Musica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Bologna e discute la tesi: "L'interpretazione pianistica di Glenn Gould: un itinerario di esempi musicali dal XVIII al XX secolo - Un'ipotesi di paragone tra le interpretazioni gouldiane e quelle di altri pianisti rappresentativi attraverso analisi comparate" (relatore Aldo Clementi). Frequenta anche corsi di “Phenomenologie de la Musique” con Sergiu Celibidache a Parigi nel 1987, di “Analisi musicale per pianisti” con Piero Rattalino a Imola nel 1991, i “Ferienkurse für neue Musik” di Darmstadt nel 1986, 1990 e 1992, il “Seminario di formazione sulla procedura SBN Musica” organizzato dall’Istituto per i Beni Musicali in Piemonte nel 1999 e il corso “Manager e responsabile per i progetti culturali” organizzato dalla Fondazione Fitzcarraldo a Torino nel 2002.

Attualmente a Parigi con Antonio Lai svolge il Dottorato di Ricerca presso il dipartimento “Esthétique, Sciences et Technologies des Arts” dell’Università Paris 8, per scrivere una tesi dal titolo Écriture et oralité dans la musique africaine actuelle. Compositeurs contemporains de l’Afrique sub-saharienne du nord-ouest.

 

INSEGNAMENTO:

Insegna pianoforte, storia della musica ed é pianista collaboratrice in vari conservatori e istituti musicali in Italia e in Portogallo. Dal 2003 è docente di pianoforte principale presso il Conservatorio “F. Vittadini” di Pavia. Inoltre, tiene workshop e masterclasses in varie istituzioni e università in Italia, Brasile, California, Costa d’Avorio, Tanzania, Togo, Spagna.

 

ATTIVITA’ ORGANIZZATIVA:

Da anni si occupa di organizzazione tecnica e operativa di attività musicali: vice-presidente del Nuovo Ensemble Italiano; direttrice artistica di "Incontri Musicali a Palazzo Callori" a Vignale Monferrato (AL);  direttrice esecutiva dell' "Orquestra das Terras de S. Maria" in Portogallo; consulente di "Anni Azzurri Classica" a Milano; dal 1987 al 2000 presidente dell’associazione “Musical Bridge”; dal 1998 al 2016 direttrice artistica di “Omaggio a ...”, Festival Internazionale di Musica Contemporanea di Acqui Terme (AL); dal 2002 vice presidente dell’associazione “Merkurio - progetti musicali” con la quale ha collaborato all’organizzazione dei festival “Musica & Spazi: giornate di studio tra architettura e musica nelle Residenze Sabaude” dal 2005 al 2014 e “Perinaldo Musica” dal 2008 al 2015; dal 2004 al 2006 organizzatrice del festival concertistico “Musica a Mombaldone” per conto del Comune di Mombaldone (AT); a tutt’oggi presidente dell’associazione “Musica d’oggi” e consulente della Federation Africaine de Musique Chorale (Lomè, Togo).

 

ATTIVITA’ MUSICOLOGICA E DI RICERCA:

È stata responsabile per le provincie di Alessandria ed Asti per il lavoro di ricerca, reperimento e censimento dei beni musicali per conto dell’Istituto per i Beni Musicali in Piemonte.

Ha curato la revisione ed edizione critica della “Seconda sonata popolaresca" di Luigi Perrachio, edita da Rugginenti - Polyhymnia. Ha curato la revisione di un inedito ottocentesco per voce e orchestra, “Cantata” di Melchiorre Devincenti dedicata a Napoleone, seguendone altresì l'incisione discografica in occasione dell'ultimo Congresso Napoleonico Internazionale di Alessandria.

 

ATTIVITA’ CONCERTISTICA:

Interessata alle più diverse forme di espressione e di collaborazione artistica ha tenuto oltre 500 concerti come solista e in formazioni cameristiche in Brasile, Costa d’Avorio, Etiopia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, India, Italia, Kenya, Malta, Messico, Moldavia, Perù, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna, Sud Africa, Svizzera, Tanzania, Togo, Ungheria, USA.

Ha registrato per: televisione di stato moldava, televisione Globo brasiliana, Radio Bavarese, Radio3 italiana. Ha inciso 15 CD per pianoforte solo e in formazioni cameristiche con repertorio classico e contemporaneo.

Helmut Bieler, Mauro Bortolotti, Aldo Brizzi, Roberto Carnevale, Françoise Choveaux, Nicola Cisternino, Aldo Clementi, Gianvincenzo Cresta, Michael Ellison, Albert Garzia, Giorgio Ghisetti, Federico Gozzelino, Stefan Grové, Martin Kürshner, Horst Lohse, Diego Macías Steiner, Fred Onovwerosuoke, Biagio Putignano, Godwin Sadoh, Gerardo Tristano, Anatol Vieru le hanno dedicato delle opere.

http://www.silviabelfiore.it

 The last time I encoutred Stefans Grové in person was at a fascinating concert by Italian pianist Silvia Belfiore at Unisa's Enoch Sontoga Hall, given on July 28 last year. The bulk of her programme, dedicated to piano works by African composers, consisted of three compositions by Grové ... Grové ... was enamoured by her interpretation and playing, his face and especially eyes gleaming with joy. Belfiore for years corresponded with the composer about his keyboard works' technical aspect, but especially the African psyche underlying all of them since his so-called "Damascus moment" in the early 1980s ... - Star/Pretoria news, June 24 2014.

“… bella esecuzione del mio lavoro, che ho apprezzato particolarmente per l’incisività esecutiva e la giusta comprensione della musica. … ”Goffredo Petrassi – 9 VII 1996

“Tra gli altri c'è stato un momento importante come il concerto di Silvia Belfiore che ha messo a confronto la attuale tendenza italiana con la vecchia opera di Giacinto Scelsi. … esclusivamente rinomati specialisti della nuova musica per pianoforte come James Avery, Kristi Becker, Pi-hsien Chen o Silvia Belfiore” Reiner Ruhl - Fuldaer Zeitung, 20 IX 1995